grande ponte su acqua

Un piatto doccia comodo Le case italiane si caratterizzano spesso per ambienti che promuovono un totale comfort, questo trend ha modificato la concezione del bagno moderno, diventato un luogo dove godersi intimità e relax, disponendo di un maggiore spazio, un concept non abbracciato da alcune realtà europee che ottimizzano lo spazio accontentandosi di bagni piccoli con piatti da 60x90 o massimo 70x90.

 

Sia in caso di bagno nuovo o di un bagno da ristrutturare, si tende a personalizzare questo ambiente partendo dalle dimensioni più maxi del piatto doccia. Sono state abbandonate le dimensioni standard del piatto doccia per rispondere al meglio al bisogno di una maggiore comodità per rendere più agevole l'ingresso in doccia di persone corpulente, anziani, coppie che vogliono condividere la loro intimità. Anche gli uomini più robusti hanno diritto di lavarsi il corpo agevolmente e la possibilità offerta da piatti doccia più grandi di quelli standard facilita loro la vita, facendoli sentire meno limitati, almeno nello spazio domestico. La sensazione di una pancia che tocca le pareti del box doccia è estranea a chi è più magro, ma siamo sicuri che chi ha accumulato un po' di chili in eccesso, conosce bene quel disagio che stiamo descrivendo. Si consideri che con un 70x90 già un uomo di 1,85 che pesa 90 kg, entrerà a malapena e si sentirà molto più a suo agio a lavarsi in una cabina, abbinata a una base doccia, con una superficie maggiore.

 

Già con un piatto con un lato da 120 centimetri si sentirà una favola, soprattutto se era abituato a spazi più claustrofobici. In linea di massima però le misure solo soggettive e se per alcuni utenti l'80x80 può andare benissimo, per altri soggetti invece, più alti o abituati a maggiori comfort, la stessa misura potrebbe risultare sottodimensionata e sarà considerata piccola. Ad ogni modo il dimensionamento del bagno è un aspetto essenziale quando si deve ristrutturare casa e progettare una doccia proporzionala alla metratura generale della camera, che sposi le esigenze personali di chi vivrà quel luogo, risulterà di fondamentale importanza.

Quando si progetta il bagno, spesso si parte dal concepire il piatto doccia per poi pensare al resto. Il linea generale si preferisce un box doccia 120×80, scegliendo delle dimensioni che sono diventate uno standard moderno, quando si desidera un ingresso più agevole evitando qualsiasi costrizione. Chi vuole rimanere fedele alle misure classiche può optare invece per piatti doccia quadrati (70×70 oppure 80×80) oppure per quelli rettangolari (120×80; 80×100; 70×90) e sentirsi ugualmente a proprio agio. A parità di metratura si ricorda come un piatto doccia rettangolare sembrerà sempre più grande, perchè l'occhio focalizzerà la sua attenzione verso l'anta più lunga, illudendo l'impavido cervello.. Per questa ragione un ottimo rapporto tra dimensioni e benessere si raggiunge con le basi 70x90 e 70x120 cm.

Ad ogni buon conto, sono quelle citate in precedenza le misure più diffuse tra i piatti doccia, anche se si può sempre decidere di progettare una doccia su misura dalle forme semicircolari o ricavate da nicchie ed incavi alle pareti. In alcuni specifici casi sono persino da preferire, visto che questo tipo di soluzione si suggerisce in caso di ambienti poco capienti, optando ad esempio verso una cabina doccia tondeggiante, poiché poco ingombrante e confortevole. La soluzione con il tasso più alto di adattabilità, come accennavamo in precedenza, è offerta da un piatto doccia su misura, che va studiato in base alla capienza del bagno.

Esempio di piatto doccia su misura filo pavimento

piatto doccia su misura a filo pavimento

Molte aziende garantiscono un taglio personalizzato del piatto doccia direttamente in fabbrica, anche se sono necessari sforzi maggiori e dei tempi di realizzazione più dilatati, che non sempre soddisfano l'utente finale. In questo senso non esiste una lunghezza massima per un piatto, anche se è già molto raro vedere piatti con un lato maggiore di 2 metri, ad eccezione di non prendere come punto di riferimento le lussuose ville di Beverly Hills.

Come calcolare le giuste misure di un bagno con le pareti irregolari?

In caso di progettazione di un box doccia ampio in una stanza da bagno dalla pianta irregolare è bene prendere correttamente le misure e per fare questo si procederà con la misurazione manuale di ogni singolo lato, aiutandosi con un metro a nastro. Dalla somma finale di tutte le misurazioni si otterrà la lunghezza totale del perimetro della stanza. L'arredo al suo interno dovrà invece aiutare a far risaltare la simmetria, attraverso tre regole guida:

  • equilibrio,
  • opposizione,
  • definizione degli spazi.

Non poche persone, per questioni ecofriendly e di comodità, rinunciano alla vasca da bagno sostituendola con il piatto doccia rettangolare, visivamente più capiente di quello dal perimetro squadrato, il cui rimpiazzo risulta semplice grazie alle tecniche di sovrapposizione.

Per alcuni utenti invece questa scelta appare eccessiva e persino esagerata, etichettando come spocchiose ed egocentriche tutte le persone che prediligono box doccia extra large a capienti ed eleganti vasche da bagno.

Che cosa si fa poi in una cabina doccia così grande?

E' questa la domanda che si ripetono nella mente, riuscendosi a spiegare in parte questa scelta con la volontà di ricreare una intimità con il proprio partner, coronando il sogno di fare la doccia assieme e perchè no, sfruttare questo spazio per delle pratiche erotiche altrimenti impossibili, in metrature più risicate.

Sul mercato si trovano piatti doccia di misure e materiali diversi che coniugano funzionalità e praticità senza trascurare il lato estetico. Per quanto riguarda i materiali utilizzati nella loro costruzione, ci sono quelli in pietra naturale, resina, vetro che si prestano ad un arredo moderno, a differenza di quelli realizzati in ceramica, solitamente più tradizionali e affini a bagni classici. In base alla metratura del bagno, si potrà scegliere l'apertura più adatta della doccia: se lo spazio è ridotto si può selezionare un'anta scorrevole oppure a soffietto, è consigliata un'anta apribile verso l'esterno in un ambiente più spazioso. Le docce presenti nelle case moderne vengono installate su pareti con i due angoli laterali liberi ed un solo angolo protetto.

Chi ama l'originalità può integrare nell'arredamento del bagno una doccia dal design particolare che prenda forma al centro della stanza oppure dentro una nicchia aperta. La stravaganza è una caratteristica sempre più comune tra gli appassionati di arredo bagno, di qui la necessità di installare un piatto più grande del normale, sia in funzione di una maggiore comodità, che di una spiccata originalità che si ha voglia di esibire in questo spazio della casa. Una cabina doccia di grandi dimensioni deve essere sostenuta da un telaio robusto, da vetri importanti e profili tridimensionali e per fare questo si impiega generalmente il cristallo fisso incassato a pavimento ed al soffitto. Per scongiurare problemi relativi alla fuoriuscita di acqua vengono proposte invece delle canaline di diversa dimensione, incassate direttamente al pavimento.

Si ricorda come si dovrà sostenere tutta la struttura del box doccia per mezzo di ante caratterizzate da materiali resistenti come il cristallo ed il vetro temperato di spessore maggiorato. Diversamente, i box doccia più economici, sono realizzati in PVC. Tra i modelli di box doccia più richiesti dai consumatori italiani ci sono quelli con profili in acciaio che sostengono il peso di cristalli di grandi dimensioni e qualora restasse troppo evidente lo spazio tra pareti e piatto, si introducono dei profilati di acciaio spazzolato nello spazio vuoto.

Quando si installa un piatto doccia grande sarà bene prevenire eventuali problemi di scarico, ampliando la dimensione dello scarico dell'acqua, calcolando la sua pendenza e posizione (meglio se centrale e non laterale), onde evitare che il bagno si allaghi a causa di intasamenti, dovuti ad un'apertura troppo stretta. Si può collocare la zona doccia in qualsiasi punto della stanza senza vincoli, l'importante sarà agevolare la posa della rubinetteria e dello scarico da cui dovrà defluire l'acqua.

Sfatiamo però un mito: installare una doccia priva del piatto non è rischioso, perchè grazie alla presenza di canaline e di un pavimento rivestito di ceramica o di un altro materiale più sicuro in quanto antiscivolo, si può eseguire questa opera, senza eccessivi problemi. Qualora si senta il bisogno, si avrà poi la possibilità di personalizzare le misure della zona doccia eliminando la presenza dello scalino e conferendo continuità di spazio ed una maggiore sicurezza dovuta all'assenza di ostacoli, risolvendo un problema molto frequente tra le persone con ridotta capacità motoria.

Quando lo spazio tra il solaio e le mattonelle è limitato, è difficile montare le basi per la doccia ad altezza pavimento e allora si rinuncia al piatto doccia a filo e si crea un piccolo scalino in muratura. E' possibile così scegliere un piatto doccia dallo spessore ridotto di pochi centimetri levigato e tagliato. Il trend odierno suggerisce per la stanza del bagno una palette cromatica neutra, premiando soprattutto le gradazioni di bianco per dare più luminosità ed ampiezza visiva. Si può ottenere otticamente più larghezza dando continuità al pavimento, optando per delle finiture prive di fughe, come resine, cementi o gomme, in colorazioni chiare.

Per i bagni è meglio evitare i colori scuri che riducono la luminosità e non sono rilassanti, le piastrelle scure poi conservano gli aloni ed i segni delle goccioline di acqua.

La legge del wc

Si consideri che questo ambiente domestico dovrà essere sempre a norma, rispettando le disposizioni di legge previste a livello territoriale locale. Per ragioni di sicurezza, in ogni area nazionale è in vigore un regolamento edilizio che indica le precise misure per il bagno di casa. In alcune zone urbane è prevista come superficie minima di 3,5 mq; in case più grandi di 70 mq, il bagno deve avere il lato corto di minimo 170 cm, se è presente un secondo bagno la superficie minima prevista è di 2 mq; nelle abitazioni con metrature superiori a 70 mq, il bagno deve avere il lato corto di almeno 120 cm; in alcune aree sono previste differenti metrature che possono essere superiori oppure inferiori, talvolta non è in vigore nessun obbligo di superficie minima.

Macron e i bagni Micron

In Italia la grandezza media di un bagno è di 9,5 metri quadri, anche se esistono nazioni dove i bagni sono molto più piccoli, in virtù anche di una rinomata scarsa attenzione verso l'igiene personale. E' il caso dei bagni francesi, dove l'assenza di bidet e la diffusione di monolocali o bilocali di 40-45 metri quadrati, determina la presenza di bagni piccolissimi e piatti doccia davvero micron.

Piatti grandi, problemi grandi ?

Anche se più confortevoli, le dimensioni maxi di un piatto doccia presentano degli inconvenienti, tra gli aspetti più svantaggiosi riscontrati da chi ne ha installato uno nel proprio bagno vi è la maggiore energia da investire nella sua pulizia; molti soggetti che hanno in bagno un piatto doccia a filo pavimento segnalano delle evidenti problematiche relative alla rimozione di depositi di capelli oppure di bagno schiuma e sapone o un ingiallimento prematuro delle superfici.

Oltre al fatto che una base doccia più grande, aumenta le possibilità che questa si scheggi durante il trasporto o durante il regolare utilizzo. Altro problemino potrebbe essere quello di scivolare, visto che i lati su cui eventualmente sorreggersi sarebbero piuttosto lontani. Per ovviare a questo inconveniente, non è insolito per chi acquista un piatto per doccia più capiente del solito, installare a muro dei maniglioni antiscivolo, soprattutto se tra chi utilizzerà quello spazio vi sono anche persone più anziane. I pareri positivi sono legati invece alla maggiore capienza che garantisce un comfort fisico pià appagante, oltre al fatto che non andrebbe mai trascurato l'aspetto estetico.

L'opinione positiva di chi ha in casa un piatto doccia più capiente potrebbe convincere anche altri italiani a fare questa scelta, soprattutto se dispongono di una zona toilette di almeno 18 metri quadri. A sentire il loro giudizio, un bagno con box doccia più capiente permette di scegliere un arredo più curato e funzionale, anche se per quanto riguarda i costi, qualcuno potrebbe storcere il naso, visto che i piatti doccia dalle misure non standard o di dimensioni più grandi sono più costosi, al punto che esistono case che si accontentano della semplice vasca da bagno, ritenendo più economico ancora non installare affatto il piatto doccia.  

Scritto da Demshop

PIATTO DOCCIA A FILO PAVIMENTO DESIGN SU... PIATTO DOCCIA A FILO PAVIMENTO DESIGN SU MISURA COLORATO

Spedizione in 15 giorni

Piatti doccia colorati MARTINstone PRAGA: prezzi unici per uno stile moderno e inconfondibile. .....

239,00€ IVA Inc.

PIATTO DOCCIA ANGOLARE IN CERAMICA 90x90... PIATTO DOCCIA ANGOLARE IN CERAMICA 90x90 DOCCIAVIVA

Spedizione in 10 giorni

Basi per doccia firmati GLOBO con installazione da appoggio o da filopavimento. DemShop, propone .....

180,00€ IVA Inc.
Abbinare un piatto doccia a filo ad una cabina bagno
Quali sono i materiali più indicati per rendere il tuo bagno unico? Meglio usare piatti doccia in marmo o ante in cristallo? Scopri come fare design nel tuo bagno.
Come posare in modo semplice un piatto doccia

l'installazione di un piatto per doccia può essere anche semplice se rispettiamo delle regole base. Impariamo come si realizza una posa di un piatto semplice.